Come prendere la patente di guida in Giappone

Jun 28, 2017


Come prendere la patente di guida in Giappone

 

Il Giappone è famoso per il suo ottimo trasporto pubblico, così come per la fitta rete metropolitana. Tuttavia, a volte l’uso di una macchina diventa necessario, ad esempio, trasportare per trasportare oggetti pesanti o per viaggiare in campagna. Se si vuole guidare in Giappone, ci sono alcune opzioni tra cui scegliere. Innanzitutto, se si possiede già un permesso di guida internazionale valido o una patente di guida nel paese d’origine, si possono utilizzarli direttamente o convertirli facilmente in una licenza giapponese. Se si necessita di imparare a guidare, invece, ci sono due percorsi da seguire: corsi a lungo termine da scuole private di guida o partecipare ad un driving-camp. Infine, si può anche sostenere il test di guida senza andare alle scuole guida.

Vediamo ora nei dettagli ciascuna opzione.

 

Chi può richiedere una patente di guida?

Per un normale veicolo a due ruote, si può prendere la patente a partire dai 16 anni. Per le auto normali, invece bisogna averne più di 18. Potrebbe essere richiesta anche una visita ulteriore, che può variare. Potrebbe anche essere necessario il timbro personale (inkan/hanko) durante il processo di richiesta (questo timbro è necessario per molte altre procedure ufficiali in Giappone, come l’apertura di un conto bancario!)

Anche se non è obbligatorio, un certo livello di abilità nel giapponese sarà utile in quanto molti segnali stradali e altre informazioni sono in giapponese. Probabilmente gli esaminatori/insegnanti non parlano nemmeno l’inglese.

Opzione 1: guidare con un permesso di guida internazionale o convertire una patente di guida valida nel proprio paese d’origine

Se già si possiede già una patente di guida valida ottenuta nel paese d’origine, ci sono due modi per poter guidare in Giappone.

Uno è quello di avere un permesso di guida internazionale (IDP) valido rilasciato nel paese d’origine. Tuttavia, tienete presente che questa dovrebbe essere solo una soluzione temporanea. Se si è un “residente” in Giappone (non “turista”), è illegale continuare a guidare con un permesso di guida internazionale. Ad esempio, se si soggiorns in Giappone per un periodo prolungato (più di 12 mesi) o se si ha ricevuto la scheda di registrazione degli stranieri, si è considerati residente; pertanto, è necessario ottenere una patente di guida giapponese adeguata.

Il secondo modo è convertire la patente di guida straniera in una giapponese. È possibile farlo presentando un modulo di domanda a un ufficio della Federazione automobilistica giapponese (JAF). A questo seguiranno una serie di test per verificare l’idoneità alla guida. I test variano a seconda del Paese d’origine, maggiori informazioni possono essere trovate sul sito web della JAF (http://www.jaf.or.jp/e/switch.htm).

Se non si dispone di una patente di guida valida nel proprio paese d’origine, è necessario seguire un corso di formazione come i candidati giapponesi regolari. Iscrivendosi alle scuole guida, si è esentati dal test pratico, ma si deve superare la prova scritta fornita dal governo.

 

 

 

Opzione 2: addestramento a lungo termine

Ci si iscrive ad un campo-scuola guida che offre lezioni (con libri di testo) e lezioni pratiche. Si possono rendere le lezioni adatte al proprio programma: per esempio, ci sono corsi serali per coloro che hanno lavoro o scuola durante il giorno. Servono circa 60 ore di lezioni e esercitazioni combinate per ottenere la patente.

Vantaggi:

Si può andare a lezione nel proprio tempo libero, anche se si hanno altri piani per tutta la settimana.

Si può provare la guida nella zona in cui si è abituati.

Si può imparare seguendo il proprio ritmo (senza sentirsi sotto pressione con date fisse).

Ci si può concentrare esclusivamente sulla guida.

Se si pianificano regolarmente le lezioni, ci si può diplomare dopo circa un mese.

 

Svantaggi:

Questo tipo di formazione può essere più costosa, considerando che le tariffe dei campi sono onnicomprensive (trasporto / vitto / alloggio). La tariffa media per questo tipo di formazione è di circa ¥ 300.000.

Se non si ha la motivazione adeguata o la disciplina per frequentare le lezioni regolarmente, il periodo di allenamento si allungherà.

Durante le stagioni festive (vacanze estive / primaverili), potrebbe essere difficile prenotare le lezioni a causa della maggiore domanda.

 

 

Opzione 3: campi di addestramento a breve termine

Se si sta cercando un modo più rapido e sicuro per ottenere una licenza, i campi di allenamento potrebbero essere un’opzione. Si va con un gruppo di persone in un’area sub-urbana vicina. Si rimane lì per un minimo di 2 settimane, o fino a quando non si supera il test. Questo metodo è popolare perché si vive una sorta di “vacanza” mentre si ottiene la licenza.

Vantaggi:

La tariffa è più economica rispetto all’addestramento a lungo termine. La tariffa tipica per i campi di addestramento è di circa ¥ 200.000 (di solito compresi trasporto, vitto, alloggio).

Mentre si è al campo, di solito si prendono lezioni per l’intera giornata, ma possono essere concessi giorni liberi durante i quali viaggiare e visitare la zona.

Si può fare amicizia con i compagni di corso.

Il periodo di allenamento non si allungherà, poiché il termine è fisso e alcune scuole hanno politiche che non permettono di tornare a casa finché non si passa.

 

Svantaggi:

Serve avere una vacanza di lunga durata, che potrebbe non essere possibile per i lavoratori.

I campi tendono a soddisfare i giovani studenti universitari; se non si ha quell’età ci si potrebbe sentire stranamente esclusi.

 

Opzione 4: test senza allenamento

Questo metodo non è consigliato a chi non ha esperienza nella guida. Tuttavia, se si ha già guidato prima (forse in un altro paese) e si vuole una licenza senza passare attraverso il costosissimo allenamento, è perfettamente accettabile fare solo il test. Basta andare in un centro di prova di guida (i test di inglese sono offerti solo da pochi). Tenete presente che la percentuale di passaggio del test tende ad essere inferiore rispetto alle scuole di formazione; quindi, si potrebbe finire con il dover fare il test più volte. A meno che non si abbia un terreno privato dove esercitarsi a guidare, potrebbe non valerne la pena.

Alcune scuole guida a Tokyo per stranieri:

Koyama Driving School

http://www.koyama.co.jp/english.htm

 

Scuola guida FCA

http://www.fca-jp.com/english/#.WUaQuBOGPBI

Kiki Driving School

https://www.kikidrive.com/en/

Avete trovato il percorso ideale per guidare in Giappone? Se non l’avete fatto, non vi preoccupate! Le città giapponesi hanno un ampio trasporto pubblico dalla metropolitana agli autobus, quindi si può praticamente andare ovunque senza dover guidare. Il ciclismo è anche un modo ecologico per spostarsi in città. Quindi, se non si è soddisfatto di una delle opzioni di cui sopra, non dimenticate che decidere di andare senza una macchina è perfettamente fattibile in Giappone!

 

 

スポンサーリンク

LEAVE A COMMENT

Your personal information will only be used for inquiry response.

SPECIAL

CATEGORY

OUR EVENT

OUR SERVICE

PICK UP

Popular Articles

Recommended Articles