5 consigli per capire meglio l’ambiente di lavoro in Giappone

Nov 19, 2017


Alcuni di voi sono venuti in Giappone per lavorare. Indipendentemente dalla ragione, in ogni caso magari vi siete resi conto che l’ambiente di lavoro in Giappone a volte è molto strano. Quindi vi vorremmo presentare alcune caratteristiche e consigli del mondo di lavoro in Giappone e come affrontarle.

Non aggiungere il “san” onorifico al nome del tuo capo quando parli con qualcuno di un’altra azienda

Per esprimere il rispetto o la cortesia in lingua giapponese, magari avrete imparato che si deve aggiungere il prefisso “san” ai nomi di persone, ma questa regola non si applica nel caso in cui state dicendo il nome del vostro capo quando parlate con qualcuno di un’altra azienda. Se qualcuno da un’altra azienda vi chiama e vi domanda “posso parlare con il suo capo Sato San?”, ecco come dovete rispondere (nel caso in cui il capo non sia nel suo ufficio) : “Scusi ma Sato non c’è”. Anche se il signor Sato è il vostro capo, per mostrare rispetto alle persone di un’altra azienda non dovete aggiungere il prefisso San al suo nome. Ma davanti il signor Sato non dovete dimenticare di aggiungere il prefisso San. Questo tipo di regole di keigo (onorifico ed espressione gentile) sono difficili da imparare. Anche i giapponesi trovano il keigo difficile a volte. Perciò non esitate a usare la lingua per paura di sbagliare. Potete imparare le regole e le frasi tramite il lavoro quotidiano all’ufficio.

Non usate il computer dell’ufficio per cose private. (Per uso personale.)

Quando avete tempo libero, alcuni di voi visitano i loro siti web preferiti. Ma meglio cercare di evitare questa cosa in ufficio. Alcune aziende hanno software apposite per poter osservare i siti web che usano gli impiegati. Anche se nessuno vi sta guardando, quello che state visitando può essere osservato dall’interno di computer. Fate attenzione, vi raccomando fortemente di non visitare alcuni siti di sesso.

 

L’uso di occhiali può dare un’impressione di intelligenza.

Anche se i giovani giapponesi (In particolare gli adolescenti) esitano a portare gli occhiali perché il loro aspetto sarebbe Dasai. (Non bello o disadattato) questa tendenza cambia un po’ quando si tratta di impiegati. In Giappone (magari non solo in Giappone) portare gli occhiali è segno di intelligenza. Perciò si può dire che chi porta gli occhiali è più intelligente di chi non li porta. Inoltre se portate gli occhiali solo occasionalmente, questo può dare un’impressione chiamata gap moe in giapponese. (attrarre qualcuno perché la loro personalità non corrisponde al loro aspetto). Questa è una cosa molto tipica della cultura giapponese, quindi può essere difficile da capire…

Le impiegate sono ancora considerate come ragazze che servono il tè?

Mentre gli impiegati maschi si chiamano “Salary man” (ci sono un sacco di questi tipi di espressione in inglese usate solo in Giappone, che potrebbero sorprendervi o essere difficili da capire) Le donne a volte si chiamano OL (abbreviazione di Office Lady) Prima di essere chiamate così, dagli anni ‘50 fino all’inizio degli anni ‘60, il ome BG (Business Girl) era ampiamente utilizzato per indicare le donne lavoratrici  giovani senza alcuna designazione. A quell’epoca tante donne giovani si sono dimesse a causa del matrimonio, la maggior parte delle donne lavoratrici venivano incaricate con compiti semplici, come servire il tè o fare fotocopie. Ci sono ancora alcune persone della generazione più vecchia che considerano ancora le donne in ufficio come le ragazze che servono il tè. Sebbene questo fenomeno stia diventando meno popolare (o considerato una discriminazione di genere), in effetti, sembra ancora che meno lavoratori maschi servano il tè quando alcuni ospiti visitano l’ufficio.

Il lavoro eccessivo non è sempre volontario, ma obbligatorio.

Alcuni di voi si sono chiesti perché l’ultimo treno in Giappone sia così pieno di lavoratori stanchi, anche se la maggior parte degli orari d’ufficio (regolari) è considerata dalle 09: 00-17: 00? Ecco la ragione: il servizio di Zangyo  (Furto del salario) accade più spesso negli uffici in Giappone, alcuni dei quali sono considerati illegali, ma socialmente ignorati. Il Giappone è anche famoso per il karoshi (La morte a causa di lavoro eccessivo e lo stress mentale) che questa espressione giapponese si può essere usata anche nei paesi stranieri. È ancora difficile prendere le ferie retribuite in Giappone, la maggior parte dei lavoratori giapponesi sono preoccupati per la reazione degli altri colleghi in ufficio quando prendono ferie retribuite. Anche se il governo sta cercando di far rispettare questa legge, oggi il congedo di paternità è ancora una cosa rara in Giappone. In generale, diremmo che le vacanze sono molto rare nel mondo del lavoro in Giappone, anche se la maggior parte delle aziende sono chiuse durante le feste nazionali, come la Golden Week (una vacanza annuale di una settimana in cui i lavoratori giapponesi sono liberati) a maggio, la maggior parte dei luoghi turistici sono pieni di gente, siccome la maggior parte dei lavoratori hanno solo questa settimana per le vacanze…

Ebbene, cosa ne pensate?
Siete più interessati a lavorare in Giappone adesso? O siete già scoraggiati? In ogni caso, potete essere solo osservatori dell’ambiente. Quindi godetevi l’esperienza!

Sonia Insomnia/JAPAN

スポンサーリンク

LEAVE A COMMENT

Your personal information will only be used for inquiry response.

SPECIAL

CATEGORY

OUR EVENT

OUR SERVICE

PICK UP

Popular Articles

Recommended Articles